In un incontro rivolto agli expat del Regno Unito lunedi 18, il sindaco della capitale Eberhard van der Laan ha sottolineato come, malgrado il risultato del Brexit, non ci sarebbe ragione che i cittadini di origine britannica in Olanda si affrettassero a sostituire il loro passaporto con quello olandese.

Il sindaco ha chiarito che richiedere un passaporto olandese non è necessario dal momento che, una volta trascosi 5 anni, gli espatriati possono fare domanda per a residenza permanente. Erano circa 200 gli inglesi presenti al meeting indetto dal Sindaco lo scorso Lunedì pomeriggio, che ha voluto dare voce a tutte le maggiori preoccupazioni sull’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea. La capitale ospita approssimativamente 15,000 cittadini inglesi, che rappresentano una buona percentuale dei 50,000 residenti in Olanda. Van der Laan ha aggiunto che qualora le imprese decidessero di abbandonare la Gran Bretagna, pur dichiarando di non voler fare lobby per indirizzarle verso Amsterdam, darà comunque la disponibilità della capitale olandese.

L’expat centre ha costituito un info-point ad hoc per rispondere alle domande su residenza e diritti di nazionalità per i cittadini inglesi ad Amsterdam.