Il sindaco pro tempore di Amsterdam, Jozias van Aartsen dice di percepire segnali che indicherebbero un aumento dell’intolleranza verso le minoranze. Van Aartsen ne ha parlato Mercoledì durante un dibattito in consiglio comunale a proposito di un pupazzo decapitato ritrovato sul terreno dove dovrebbe sorgere la Moschea del Sultano Emir nella zona Amsterdam Nord, dice AT5.

La linea  antidiscriminazione della regione di Amsterdam ha ricevuto un incremento sostanziale di segnalazioni lo scorso anno: 392 denunce per atti di discriminazione basata sull’origine etnica, sul colore della pelle o sull’etnia, l’aumento sarebbe stato del 25 per cento nel 2016.

Il sindaco sostiene la sua tesi anche sulla base di incontri personali avuti con i rappresentanti delle minoranze.

 

Van Aartsen ha avuto un incontro con dirigenti della moschea all’inizio di questa settimana, per discutere l’incidente della bambola decapitata.

I leader dei gruppi politici di Amsterdam hanno condannato all’unanimità il gesto.