Il documentario olandese “‘Ewout & de Keiharde K-pop Wereld” è diventato oggetto di discussione. Sembra che il produttore si sia mostrato piuttosto scortese con il gruppo di ragazze di GWSN, uno dei gruppi di spicco del K-pop o musica pop coreana.

Il controverso episodio è andato in onda lo scorso martedì su RTL 5. Ewout Genemans, un produttore televisivo olandese, ha partecipato all’evento in cui le ragazze stavano firmando degli autografi. All’improvviso ha chiesto alla cantante Seoryoung, “Hai fatto anche la chirurgia plastica? No? Sì?”

Mentre Lena, una delle componenti del gruppo, stava parlando con un fan si è avvicinato e le ha chiesto: “Sono molti gli scandali sulle star del K-pop. Cosa ne pensi?” Molti spettatori hanno detto che Genemans avrebbe dovuto essere più educato. “Continuava a stuzzicarla. Era evidente che lei fosse a disagio”, ha scritto un utente su Twitter.

Secondo alcuni, il programma non è stato coerente con lo scopo prefissato. Avrebbe solo dovuto introdurre il fenomeno K-pop. Invece, ne ha mostrato tutti gli aspetti negativi.

Un altro comportamento ha contribuito alle polemiche. Il produttore ha affermato: “le star del K-pop sono depresse“. Come prova, ha evocato Jonghyun, un membro del gruppo di ragazzi K-pop Shinee, che si è suicidato nel 2017.

L’agenzia di GWSN, Kiwi Pop, ha dichiarato: “L’intervista di Genemans non è stata pianificata. È entrato improvvisamente nella sede dell’evento senza il consenso del nostro staff. Siamo dispiaciuti che lo show abbia danneggiato l’immagine della squadra. Ma non era questo lo scopo iniziale”.

GWSN ha debuttato nel 2018 con la traccia principale “Puzzle Moon“. Ha pubblicato il suo secondo mini-album, “The park in the night Part 2” lo scorso marzo.