CoverPic@Danist Soh by Unsplash

Sono state decise le nomine per il primo premio di Bruxelles sull’architettura. Si tratta di un’iniziativa della Regione di Bruxelles capitale e A+ Architecture in Belgium. I 31 finalisti sono divisi in quattro categorie. È possibile votare i migliori progetti direttamente nel sito della competizione.

Spazi pubblici

La prima categoria è quella degli spazi pubblici. In particolare, i 7 padiglioni-giardini della città. Il Molenwest Square alla stazione ovest che riutilizza vari materiali. La ristrutturazione del ponte pedonale Bockstael, che, secondo la giudice Sofia von Ellrichshausen: “Non solo riecheggia il passato del sito, ma opera anche come un’infrastruttura senza tempo”. Il Parvis de Saint-Gilles, che ha il pregio di riunire la vita urbana a un’architettura storica. Il parco giochi Le Ranch a Etterbeek, che mette in primo piano i bambini. La piazza Guy Cudell a Saint-Josse, che rigonfiando un piccolo pezzo di marciapiede dimostra come esso sia decisivo per definire lo spazio pubblico. E, infine, il “Pocket Park” di una linea ferroviaria a Laeken, che utilizza piccoli interventi di architettura per rendere accessibili le aree adiacenti alle ferrovie.

Progetti su larga scala

Gli interventi su larga scala si concentrano invece su spazi più ampi e cambiamenti più significativi. In questa categoria ci sono l’edificio della Gare Maritime a Tour & Taxis vicino al monumentale canale. Il complesso sportivo Centr’Al a Forest, dove due edifici affacciati formano una porta di accesso all’area. Il centro comunitario De Rinck ad Anderlecht. La scuola Porta 1070 ad Anderlecht, che mostra un esempio di riuso, ristrutturazione e integrazione. La ristrutturazione di Zinneke a Schaarbeek. Il Building Materials Village: una nuova costruzione di magazzini e negozi per commercianti di materiali da costruzione, progettazione urbana e paesaggistica con integrazione nella città. La ristrutturazione di Place Rogier.

Interventi minori

La categoria “interventi minori” si concentra su progetti di meno di mille metri quadrati, tra cui la ristrutturazione della stazione ferroviaria di Laeken. Oltre a questo c’è la trasformazione di un vecchio magazzino in una casa, un orto produttivo e un laboratorio artistico condiviso. Poi Stam Europa, un nuovo spazio multifunzionale nel Quartiere Europeo. La trasformazione e l’ampliamento dell’asilo e della scuola elementare Arc-en-ciel e dell’asilo nido Regina Elisabetta a Saint-Josse-ten-Noode. La creazione di un capannone di produzione aperto per BC Materials. Lo sviluppo del centro giovanile di Malibran. La Werfstraat house, che mette in luce l’artigianato, affrontando esplicitamente il tema della sostenibilità. Infine, il Tondo bridge, che collega gli uffici della House of Representatives.

Extra Muros

“Extra Muro” è l’ultima categoria per questa gara di architettura. Essa premia i progetti in Belgio e nel resto del mondo. Uno di questi è la sede della Provincia di Anversa.

Dal Senegal, per questa categoria sono stati costruiti tre centri di formazione professionale a Goudiry. A Gand l’edificio scolastico multifunzionale Melopee. Il centro sportivo comunale di Genk. In Sudafrica, a Paarl, gareggia una casa in cemento di pino. E ancora, a Edegem una casa situata all’interno di un magazzino dove i bambini possono conoscere la natura e l’ecologia. Mentre gli ultimi due progetti sono: Saclay, una residenza per studenti in Francia con 192 appartamenti per studenti, spazi comuni, un giardino e un parcheggio e, infine, la conversione di un ex negozio di bricolage in Standaertsite, a Gand.

Tutti i progetti saranno mostrati sul sito See U a Ixelles da metà ottobre prima che i vincitori vengano scelti il ​​13 dicembre.