Le due ragazze olandesi scappate in Spagna all’inizio di questo mese sono partite di loro spontanea volontà e non sarebbero state adescate; a sostenerlo è stato l’ufficio del pubblico ministero.

Il pm è giunto a questa conclusione, dopo aver ascoltato le dichiarazioni rilasciate dalle due ragazze alla polizia.

Le giovani, provenienti da Bergen op Zoom avevano preso un volo da Eindhoven dirette all’ aeroporto di Málaga lo scorso Martedì, senza informare la famiglia. Inoltre avevano lasciato a casa i telefoni cellulari.

Il loro ritrovamento è avvenuto sabato, ad opera della polizia portoghese, in un albergo nella località di Albufeira dove erano in compagnia di un uomo di 34 anni con nazionalità olandese e marocchina.

Secondo NOS, l’uomo era stato arrestato, ma subito rilasciato dalle autorità portoghesi che avevano respinto una richiesta di estradizione da parte dei Paesi Bassi; per i lusitani, l’olandese non aveva commesso alcun reato che giustificasse il fermo.

Rimangono ancora oscure le ragioni che hanno spinto le ragazze a partire in segreto e secondo il quotidiano Telegraaf, la polizia olandese sarebbe ancora intenzionata ad interrogare l’uomo