The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

BE

Il parlamento federale considera di estendere il periodo dei saldi

Roger Price, CC BY 2.0, via Wikimedia Commons

Il parlamento federale belga ha votato all’unanimità la discussione di un disegno di legge che proroghi la stagione dei saldi di gennaio di altre due settimane per ridurre le folle durante il periodo consueto, dice 7sur7.

Quest’anno le riduzioni di inizio anno sono partite lunedì 4 gennaio, l’ultimo giorno delle feste di Natale-Capodanno, con un breve ritardo rispetto al solito inizio del 2 gennaio in modo da prevenire grandi assembramenti.

Denis Ducarme (MR), ha presentato una proposta per estendere i saldi di due settimane, dal 1 al 15 febbraio. “Questa è una possibilità che volevo discutere”, ha detto “La vedo soprattutto come un’opportunità per la commissione per l’economia di considerare questa proposta non appena i rappresentanti di diversi settori come UCM, Unizo, SNI o Comeos lo chiederanno”

Comeos, la federazione che raggruppa gli esercizi al dettaglio, ho subito sostenuto la proposta, comunicando su Twitter, “Ottima proposta da @ducarmedenis Estendere la stagione dei saldi renderebbe possibile distribuire gli acquisti, e quindi di tutelare la sicurezza della clientela. Un altro vantaggio: consentirebbe ai magazzini pieni di articoli invernali di poterli vender.”

All’inzio di questo mese, con l’apertura della stagione dei saldi invernali, i membri di Comeos si sono dichiarati scontenti dello scarso numero di clienti. Le vie dei negozi nei comuni periferici procedevano relativamente meglio che nei centri commerciali, ha segnalato, mentre gli acquisti online vanno “senza problemi”.

Anche Unizo, l’organizzazione che rappresenta gli autonomi, ha colto l’iniziativa di Ducarme. “Buon suggerimento da @ducarmedenis  di prolungare i saldi invernali in modo che la gente possa prendersi più tempo per fare shopping in condizioni sicure,” ha twittato il direttore generale Danny Van Assche.

La commissione per l’economia del Parlamento affronterà la questione alla prossima riunione, che si terrà mercoledì, 13 gennaio.