Steven Lek, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Mentre questi giorni sono dominati dalle barricate dei contadini sulle autostrade e dalle minacce degli appaltatori che vogliono ripulire i rifiuti, il governo è assente, scrive Hart van Nederland: nonostante le numerose richieste della tv è quindi impossibile intervistare i ministri più importanti. E sorge la domanda: chi guida il Paese adesso?, si chiede il canale.

Una domanda dopo l’altra con i ministeri dà risposte inequivocabili: il ministro è in ferie. Il primo ministro Rutte non c’è, i vicepremier Kaag, Hoekstra e Schouten se ne sono andati, e anche i ministri dell’agricoltura Staghouwer e Van der Wal, Bruins Slot dell’Interno e il ministro della giustizia Yeşilgöz-Zegerius sono in vacanza.

Ciò non impedisce ai ministri di tenere d’occhio ciò che sta accadendo nel Paese. Su Twitter, alcuni funzionari del governo esprimono il loro orrore per quelle che considerano azioni inaccettabili degli agricoltori. “I ministri più coinvolti e io siamo in stretto contatto”, scrive il primo ministro Rutte dal suo discorso durante le vacanze.

Diversi parlamentari auspicano da tempo che la Camera torni in anticipo per un dibattito sui piani per l’azoto. Sotto la guida di Pieter Omtzigt e della leader della BBB Caroline van der Plas, è stato richiesto un dibattito. Ma ora il paese è governato? A volte quando i ministri sono in ferie, i loro portafogli vengono temporaneamente rilevati da altri ministri attraverso il regime di sostituzione. 

Che non sia sempre saggio andare tutti in vacanza contemporaneamente è chiaro dall’agosto 1990, quando un ministro ha dovuto sostituire tutti i suoi colleghi. In quell’occasione, ricorda il canale tv,  il ministro degli affari economici Andriessen ha dovuto improvvisamente coordinare la posizione olandese come ministro degli affari esteri ad interim dopo l’invasione irachena del Kuwit.