Il nuovo Stint, la “bakfiets elettrica” utilizzata dalle scuole elementari per trasportare i bambini, finito al centro di una polemica dopo un incidente mortale avvenuto lo scorso anno, potrebbe non essere pronto in tempo per il nuovo anno scolastico.

Il dirigente della compagnia che produce lo stint mette in guardia anche se il ministro delle infrastrutture Cora Van Nieuwenhuizen aveva promesso che il mezzo sarebbe tornato in strada in tempo.

Il direttore Edwin Renzen mette in guardia i clienti nel sud del paese in una lettera, scrive De Telegraaf. L’anno scolastico inizia prima in quella regione, ma probabilmente inizierà senza lo stint.

“Non abbiamo la certezza al 100%, quindi non dovrebbero contarci, dice Renzen. Il ministro Van Nieuwenhuizen ha già detto che lo stint può tornare in strada ma un certo numero di test deve ancora essere condotto.

Nella nuova versione, potranno essere trasportati dieci bambini invece di otto.