Dal prossimo anno, i controlli d’identità saranno obbligatori su tutti i voli all’interno dell’area Schengen ha dichiarato il ministro della giustizia Stef Blok all’emittente BNR.

All’inizio della scorsa settimana, BNR aveva riferito che almeno 10 compagnie aeree non effettuano controlli di identità durante il check-in di passeggeri su un volo all’interno dell’area Schengen, rendendo più facile per individui segnalati dalle autorità locali per crimini o terrorismo di volare in Europa in modo anonimo.

“L’idea di Schengen è che si può viaggiare liberamente senza passaporto, anche in aereo”, ha detto Blok. “Ma queste regole presto dovranno cambiare” ha proseguito il ministro a BNR.

Libera circolazione addio, dice quindi Blok: i paesi dell’area Schengen sono disponibili a modifiche in senso restrittivo dell’attuale diritto di libera circolazione. “E’ stato abusato ed è quindi necessario intervenire”, ha concluso il ministro che ha annunciato cambiamenti per il prossimo anno.

Come verranno effettuati controlli di identità è ancora in discussione. “Il risultato è che i viaggiatori verranno presto controllati al cento per cento“, ha detto Blok.

Secondo il ministro della Giustizia, la Tweede Kamer si è a lungo opposta all’introduzione del controllo di identità alle frontiere interne. “Inizialmente il sentimento era quello di non volere un registro dei passeggeri”, ha ancora il ministro. Ma dopo i vari attentati in Europa, i parlamentari hanno cambiato idea.