Il ministro Jet Bussemaker ha fatto sapere al parlamento che il governo ha intenzione di sospendere i sussidi per il gruppo cristiano denominato “Hart van Homos”, un’associazione religiosa contraria ai rapporti omosessuali, che promuoverebbe “amicizia senza sesso”.

La decisione del ministro si inserisce nel contesto della continua pressione esercitata dai partiti di maggioranza che da tempo chiedevano di intervenire sulle attività del gruppo in questione. La convinzione, secondo i parlamentari che appoggiano il governo, è che il messaggio lanciato dall’associazione fosse sbagliato
Le dichiarazioni di  Hart van Homos mirano a promuovere l’amicizia senza alcuna relazione sessuale . Il mese scorso è stato reso noto che il gruppo ha ricevuto un somma ingente dal governo tramite una fondazione “ombrello”. A tal proposito Bussemaker aveva chiarito che non avrebbe sospeso il sussidio perchè fiduciosa che l’organizzazione non imponesse ai cristiani omosessuali come vivere la loro vita. Il ministro, intanto, ha chiesto alla fondazione (LCC), un consorzio di associazioni che promuovono l’accettazione della cultura gay negli ambienti religiosi, di avviare una nuova proposta di finanziamento che escluda Hart van Homos.

In un comunicato stampa pubblicato sulla loro pagina, tuttavia, l’associazione si dice sorpresa della richiesta del parlamento e fiduciosa che un incontro con il ministro chiarirà la loro posizione. Nel comunicato, si fa inoltre menzione alla possibilità di intentare un’azione legale contro la revoca dei fondi.