Il ministro del commercio estero Lilianne Ploumen è pessimista riguardo all’esito dei negoziati per il TTIP, l’accordo di libero scambio tra USA e UE che ad Ottobre dovrebbe entrare nelle fasi finali della trattativa. La voce del ministro olandese segue quella del collega francese Matthias Fekl che questa mattina, martedi 30 agosto, chiedeva lo stop a questa discussione e la calendarizzazione di una nuova.

La Ploumen, rispondendo all’emittente NOS, ha difeso il TTIP sostenendo i suoi benefici per l’economia dei Paesi Bassi ma ha anche ammesso la distanza tra le parti: gli americani, ha detto il ministro, non sono disponibili a concessioni sui temi più cari agli elettori UE come la qualità dei cibi, l’ambiente e i diritti sociali.

Per il ministro del Pvda, non esisterebbero molti margini: la ripresa dei negoziati a breve e le elezioni americane fanno pensare ad un possibile abbandono della trattativa. La voce olandese va ad aggiungersi a quella del ministro degli esteri tedesco, Sigmar Gabriel, che solo due giorni fa aveva dichiarato “di fatto falliti” i negoziati per l’accordo Transatlantico.