Una nuova edizione olandese del Mein Kampf torna nelle librerie, in una versione con commentario e contesto storico. Si tratta di un importante evento perchè il celebre testo dove si teorizza il “predominio della razza ariana” è stato fuorilegge a partire dagli anni ’80, ma nel 2017 la Corte Suprema ha assolto un antiquario di Amsterdam -che ne vendeva delle copie- dall’accusa di “istigazione all’odio”.

Quel verdetto è stato visto come un modo per aprire alla possibilità di far tornare in commercio il Mein Kampf, a patto includesse una contestualizzazione.

L’editore della pubblicazione, Prometheus, segue le orme dell’Istituto di storia contemporanea di Monaco, che ha pubblicato l’anno scorso una versione commentata del libro che ha riscosso un ottimo successo e ha trascorso 35 settimane nella lista dei best-seller di Der Spiegel, vendendo circa 85.000 copie.

Secondo Prometheus, il libro di Hitler andrebbe letto da tutti “per comprendere meglio le cause della Seconda Guerra Mondiale dell’Olocausto e soprattutto inquadrare meglio questi avvenimenti”. 

La nuova edizione commentata, sostiene l’editore, “fornirà un contesto storico e smaschererà miti e menzogne” contenute nel testo. Il libro avrà una prima edizione di 2.500 copie venduta al costo di € 50. 

Mijn Strijd sarà presentato ufficialmente il 5 settembre, nel corso di una presentazione ufficiale al De Balie di Amsterdam.