Il leader populista in Olanda, Thierry Baudet, è stato accusato di prendere soldi dalla Russia, secondo un servizio del  programma Zembla. Baudet, promotore del referendum del 2016 su Ucraina e UE, è famoso per la sua linea morbida con Mosca,

Secondo il servizio di Zembla, le accuse vertono sulla base di  alcune conversazioni intercettate all’interno del partito di Baudet, Forum voor democratie (FvD, Il forum per la democrazia), ma anche su opinioni di esperti internazionali sull’infiltrazione russa in Occidente.

Il programma si concentrava su diversi messaggi interni di Whatsapp in cui Baudet,  parlava dei suoi contatti russi e faceva commenti su alcuni pagamenti. Ha anche esaminato il ruolo dei consulenti e dei contatti filo-Cremlino nei suoi ambienti politici, nonché il suo approccio alla Russia nei dibattiti, in particolare con riferimento al disastro dell’MH17.

Contatti

In particolare, il programma ha esaminato la relazione di Baudet con l’ucraino filo-russo Vladimir Kornilov e con il conservatore britannico pro-Putin John Laughland. Baudet ha cercato di confutare le tesi di Zembla, dichiarando che i messaggi sui contatti e i pagamenti russi, “erano ironici”, che col suo gruppo fanno spesso questo tipo di scherzi. Ha detto di aver tradotto, uno o forse due, articoli di Kornilov durante la campagna referendaria. “Non abbiamo mai avuto soldi [dalla Russia] e le mie idee non sono in vendita”, ha detto Baudet.

Henk Otten, in seguito espulso dal FvD, ma tesoriere al momento del referendum in Ucraina, disse che aveva preso sul serio i messaggi di Whatsapp e di aver avvertito Baudet di non avvicinarsi troppo alla Russia. Tuttavia, disse a Zembla, non aveva visto alcuna prova di pagamenti dal Cremlino.

Euro-scettici

Le rivendicazioni di collegamenti tra l’euro-scettico olandese, partiti di estrema destra, e la Russia, non sono una novità: al tempo del referendum olandese 2016 sull’adesione dell’Ucraina all’UE, il quotidiano britannico Sunday Telegraph affermava che l’influenza russa era stata “rilevata” e che “gli argomenti schierati a sostegno del referendum” assomigliavano molto “alla propaganda russa nota.” Molti sostenitori del referendum hanno anche affermato che la decisione di chiedere un voto sul patto ucraino è stata presa per opportunità politica in quanto è stata la prima occasione in cui testare il sostegno dell’UE poiché i referendum consultivi sono stati resi possibili dalla legge.

Baudet, una delle persone dietro il referendum, disse che all’epoca considerava le affermazioni dell’influenza russa “molto divertenti”. “Non ho mai visto un centesimo di un’organizzazione straniera”, ha detto. ‘Sembrerebbe una caccia alle streghe contro la Russia. Sembrerebbe che essere un euro-scettico ti renda un alleato russo. Questa non è realtà. “