Anche in inverno sarà necessario mostrare il QR code all’ingresso di locali nel settore della ristorazione e in occasione di eventi. L’inizio di novembre è troppo presto per dire addio al codice QR, dicono fonti dell’Aia al Parool.

Venerdì, l’OMT discuterà già lo stato delle cose epidemiologiche e all’inizio di novembre il governo deciderà su un possibile allentamento e sul futuro delle misure Covid. Da due settimane devi mostrare un codice QR in molti posti per entrare ma sembra troppo presto per abolire il corona pass all’inizio di novembre, come in precedenza annunciato.

Con una media di 1900 nuove infezioni ogni giorno e un totale di 469 pazienti Covid ospedale, c’è troppo poco margine per lavorare senza misure in campo. Soprattutto se dovesse riaprire la vita notturna, il pass diventerebbe inevitabile.

Anche la virologa Marion Koopmans è stata di recente cauta sulle possibilità a novembre di sbarazzarsi di tutte le restrizioni. “Questo è possibile se i numeri diminuiscono e il tasso di vaccinazione aumenta”, ha detto. «È una scelta: lasciar andare tutto, e poi intervenire se aumenta inaspettatamente. Perché in tutti i modelli  RIVM c’è un aumento del numero di ricoveri ospedalieri in inverno ma la dimensione esatta è davvero difficile da stimare.’

A differenza, ad esempio, della Danimarca – i test Covid sono stati aboliti – i Paesi Bassi hanno un tasso di vaccinazione più basso e una maggiore occupazione di IC, quindi c’è meno margine.