Il governo vuole provare a portare cinque siriani nei Paesi Bassi, tutti sospettati di terrorismo. Il ministro uscente Grapperhaus scrive alla Kamer che sta valutando le opzioni, dice NOS.

Il tribunale di Rotterdam ha detto che una delle sospettate deve essere rimpatriata nei Paesi Bassi entro tre mesi o il governo ha sei mesi per tentare il rimpatrio.E la corte ha preso una decisione simile anche su altri quattro. Se le condizioni del tribunale non verranno soddisfatte, i procedimenti penali probabilmente verranno archiviati.

All’inizio di quest’anno, anche i Paesi Bassi hanno preso una donna dell’IS dalla Siria e lo hanno fatto per un motivo simile: il procedimento penale rischiava di essere archiviato. Grapperhaus disse all’epoca che il rimpatrio non sarebbe certo diventato un’abitudine, ma non escludeva la possibilità che accadesse più spesso. Il governo ha spesso sottolineato che recuperare jihadisti dai campi siriani è pericoloso.

Nella sua lettera alla Kamer, Grapperhaus definisce importante che i  foreign fightefs sospettati di reati terroristici siano assicurati alla giustizia. “Questi sono crimini gravi che non dovrebbero rimanere impuniti”.

Quando si valuta se in un caso specifico i rifugiati siriani e i loro figli saranno rimpatriati, le circostanze individuali sono determinanti e si soppesano interessi diversi tra loro, scrive il ministro.