BE

BE

Il governo della Vallonia vuole bloccare l’accordo UE-Mercosur sull’agricoltura

Il governo vallone si opporrà all’accordo tra l’Unione europea e i paesi del Mercosur: questo è uno degli impegni concreti assunti dall’esecutivo durante l’incontro, mercoledì mattina a Namur, con i sindacati agricoli. I rappresentanti FWA (Federazione vallona dell’agricoltura), della Fugea (Federazione unita di gruppi di allevatori e agricoltori), della FJA (Federazione dei giovani agricoltori) e dell’UNAB (unione professionale rappresentante numerosi agricoltori biologici in Vallonia) hanno ribadito le loro rivendicazioni, principalmente sulla fine della concorrenza sleale, semplificazione amministrativa e ottenimento di redditi dignitosi, dice RTL Info.

Il ministro-presidente vallone, Elio Di Rupo, il ministro dell’Agricoltura Willy Borsus e il ministro del Clima, Philippe Henry, hanno preso una serie di impegni, tra cui quello di opporsi all’accordo tra l’Unione europea e i paesi del Mercosur (Argentina, Brasile, Uruguay e Paraguay), simbolo della concorrenza sleale denunciata dal mondo agricolo.

“Elio Di Rupo ha affermato: “Siamo contrari a questo progetto di accordo e lo diciamo chiaramente. Tutte le parti attorno al tavolo sono contrarie. Chiedo che la Vallonia esprima chiaramente la sua posizione su questo fin da ora”, ha poi continuato Philippe Henry.

Una posizione unanimemente accolta dai sindacati agricoli. Yves Vandevoorde, coordinatore politico della Fugea, ha sintetizzato: “Siamo felici di sentire che non firmeranno questo accordo”, mentre Florian Poncelet, presidente della FJA, si è congratulato per “la volontà di progredire” manifestata dalle autorità, sia sul Mercosur che sulla semplificazione delle spese amministrative, con la prossima istituzione di un gruppo di lavoro.

L’accordo UE-Mercosur è un accordo di libero scambio tra i paesi sudamericani che partecipano al programma e l’UE.   Le condizioni “non sono ancora presenti” per concludere le trattative, ha ammesso Eric Mamer, portavoce della Commissione europea a RTL. Quasi una settimana fa, il capo della diplomazia europea Josep Borrell aveva ammesso che la crisi che scuote il mondo agricolo in Europa potrebbe costituire un “ostacolo” alla conclusione di un accordo.

Da Stoccolma, Emmanuel Macron ha ribadito martedì pomeriggio la sua opposizione a questo accordo commerciale le cui regole non sono “omogenee” con le regole europee. La Commissione ha ricordato martedì che aveva ricevuto un mandato dagli Stati membri dell’UE per negoziare questo accordo e intendeva portare le discussioni a termine.

La conclusione di un tale accordo deve poi essere approvata dai 27, a maggioranza qualificata. Ma ogni paese deve successivamente ratificare questo nuovo trattato prima della sua entrata in vigore, offrendo di fatto la possibilità a un paese di bloccarlo.

 

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli