Il team di gestione dei contagi OMT ha confermato nella conferenza di questa sera le indiscrezioni trapelate alla stampa: nessun obbligo nazionale di mascherina, nonostante la richiesta in questo senso di molte amministrazioni locali. Secondo OMT non esistono evidenze scientifiche che depongano a favore di un obbligo generalizzato. A sostegno delle loro tesi, gli scienziati di OMT portano le ultime ricerche e analisi sul tema.

Nessun obbligo, quindi, oltre a quello sui trasporti pubblici. Tuttavia, il Comitato di sicurezza, composto dai sindaci, ha ottenuto il via libera per sperimentazioni a livello locale. A Rotterdam e nel Brabante i casi stanno salendo in fretta e in quei luoghi, saranno possibili obblighi locali.

Oltre alle mascherine, le amministrazioni potranno agire in altro modo, con campagne mirate. Le decisioni in merito verranno prese nel corso della settimana, ha dichiarato il presidente del Consiglio di sicurezza Bruls, sindaco di Nijmegen. Non è ancora chiaro dove e quando verranno introdotte queste misure e che cosa comporteranno.

I sindaci, tuttavia, senza il via libera nazionale non potranno adottare alcuna misura: come dice NOS, la legislazione di emergenza è di competenza esclusiva del governo. Neanche il Parlamento ha voce in capitolo.