pic author: ProMo-Cymru, source: flickr, licence: CC BY 2.0

Negli ultimi due anni, almeno 64 persone sono state ricoverate per problemi alla colonna vertebrale dopo aver inalato l’ossido di azoto, anche noto come gas esilarante, ha riferito RTL Nieuws. Lo hanno dimostrato alcuni prelievi fatti dall’Associazione olandese dei neurologi. Alcuni giovani, la cui età media è di 22 anni, sono finiti su una sedia a rotelle.

L’ossido di diazoto è particolarmente popolare tra i giovani e provoca una breve intossicazione. L’uso prolungato di questo gas può creare una carenza di vitamina B12, che a sua volta provoca danni al midollo spinale. I soggetti sviluppano debolezza negli arti, nel tronco e un formicolio e intorpidimento che si aggravano con il tempo.

Secondo i neurologi il problema è stato sottovalutato e i giovani che usano il gas esilarante sono riluttanti a parlare di effetti collaterali. I medici ritengono che questa sia una droga che crea dipendenza, anche se non è ancora stato dimostrato scientificamente. “Queste persone fanno uso di più di 100 palloncini al giorno”, ha detto Barry Ruijter, neurologo all’ospedale OLVG di Amsterdam.

All’inizio di giugno, il governo ha pubblicato un piano per mettere al bando il gas esilarante o quantomeno per limitarne molto la possibilità di acquisto. La decisione è arrivata sei mesi dopo la pubblicazione di un rapporto con un parere del comitato di valutazione CAM. Quest’ultimo afferma che il rischio dell’utilizzo dei gas esilarante per uso ricreativo per la salute pubblica è passato “da moderato a elevato”.  Di recente ci sono stati anche diversi incidenti stradali gravi in cui sono rimaste coinvolte persone che avevano fatto uso di ossido di diazoto.

Le norme per ora permettono alcune eccezioni per l’uso di questo gas. Ad esempio, viene utilizzato negli spray di panna montata e come anestetico in ospedale. La legge è ora sottoposta a consultazione pubblica.