The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

Photocredit: 31mag archive

 

Il consolato turco di Rotterdam avrebbe confiscato  passaporti di persone sospettate di sostenere il movimento del religioso Gülen, che Ankara ritiene responsabile del fallito colpo di stato dello scorso anno. A sostenerlo è il quotidiano Trouw. A diverse persone è stato comunicato che sono ora classificate come latitanti e che sarà dato loro un passaporto di un giorno solo per recarsi in Turchia.

Dovranno comparire davanti ai giudici per dimostrare la loro innocenza e solo allora i passaporti saranno restituiti. Trouw ha scritto che il governo olandese è a conoscenza di diversi casi, ma che nessun elenco degli interessati è stato stilato. ‘Ogni nazione è libera di concedere e revocare i passaporti come crede,’ ha detto un il Ministero degli Affari Esteri.

‘L’Olanda non ha alcuna influenza su questo.’ L’ambasciatore turco in Olanda si è rifiutato di commentare le affermazioni, dice il giornale. Almeno quattro persone sono state avvicinate da avvocati specializzati in questioni di asilo, ma hanno detto a Trouw che è alto il numero di cittadini turchi ma anche curdi e giornalisti critici del regime di Ankara colpiti dal provvedimento.

Una donna che non ha doppia cittadinanza è stata resa apolide dopo che il suo passaporto era stato revocato e questo ha reso difficile rinnovare il suo permesso di soggiorno olandese, dice il giornale.