Source pic: Pixabay

Il Belgio e altri otto paesi hanno chiesto alla Commissione Europea di fissare una data di scadenza ben precisa, valida a livello europee, per vietare la vendita di nuove macchine a benzina e diesel, scrive Nieuwsblad.

Insieme a Danimarca e Paesi Bassi, il Belgio ha preso iniziativa e punta a diventare leader del cambiamento verso una maggiore sostenibilità nel settore dei trasporti, hanno affermo la ministra dell‘Energia Tinne Van der Straeten e il ministro della mobilità Georges Gilkinet. Anche Austria, Irlanda, Grecia, Lituania, Lussemburgo e Malta sostengono la richiesta.

Le macchine elettriche e ibride stanno prendendo piede sul mercato europeo tuttavia, una data vincolante a livello comunitario sul divieto di vendere nuove auto a diesel, permetterebbe di ridurre il prezzo di acquisto di veicoli elettrici. Inoltre, ci sarebbe un maggior incentivo a investire nella ricerca e nello sviluppo, incrementando la competizione in questo mercato, secondo i ministri.

Secondo quanto riportato ACEA (European Automobile Manufacturers ‘Association), nel 2020 l’11.9% delle macchine nuove vendute era costituito da veicoli ibridi e il 10% da elettrici ma a dominare il mercato sono ancora macchine alimentate da combustili convenzionali.

Una scadenza ben precisa, norme più severe sulle emissioni di Co2 e l’incremento di stazioni di ricarica per le macchine elettriche sono le principali richieste degli stati firmatari.