The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

U.S. Secretary of Defense, CC BY 2.0, via Wikimedia Commons

Gli operatori sanitari belgi hanno ottenuto un aumento delle dosi già in loro possesso di vaccino contro il Covid-19, grazie all’uso di siringhe estremamente efficienti che hanno permesso di estrarre dosi in più dalle fiale del vaccino della Pfzier, dice De Standaard.

Le istruzioni ufficiali dell’azienda Pfizer assegnano a ogni fiala di vaccino un totale di cinque dosi; in pratica gli operatori sanitari belgi sono stati in grado di estrarre un margine in più dalle fiale, che in totale significa 20% in più di vaccini disponibili;  delle 350,000 dosi distribuite in Belgio, il paese ottiene così 70,000 dosi in più.  L’agenzia federale di medicina ha approvato questo sistema: “Questo vuol dire che in certe case di riposo avremo a disposizione più vaccini di quanto previsti. In questo modo saremo in grado di vaccinare più persone”.

Gli strumenti corretti

Secondo Thomas De Rijdt, a capo del dipartimento di studi farmaceutici dell’università di Leuven, tutto ciò è possibile grazie all’uso di strumenti specifici.“Le nostre autorità hanno portato ottime siringhe, grazie alla loro forma lasciano praticamente nulla all’interno della fiala” afferma De Rijdt.

Secondo il vaccinologo Pierre Van Damme le dosi in più saranno essenziali nel tentativo di portare le vaccinazioni del Belgio a un nuovo livello. L’agenzia Europea per i medicinali (EMA), afferma che cambierà le istruzioni del vaccino solo se è sistematicamente possibile estrarre sei dosi. Purtroppo questo non è il caso dappertutto, molte agenzie sanitarie infatti fanno grande affidamento su diverse siringhe e metodi di iniezione.