Consumentenbond se la prende con i negozi online che pagherebbero ancora troppo tardi o meno del dovuto i pacchi resi, dice NOS.

Sarebbero queste le conclusioni di un sondaggio dell’Associazione dei consumatori che hanno ordinato tre articoli per negozio da più di 200 negozi online e hanno restituito tutto. Più del 52% di questi negozi ha restituito troppo tardi o rimborsato troppo poco, dice NOS.

L’associazione di categoria dei negozi online ha risposto che avvierà discussioni con i membri che non hanno seguito le regole.

In alcuni casi, i negozi online hanno rimborsato i soldi solo dopo il termine legale di 14 giorni (35% dei negozi online intervistati). Inoltre, alcuni e store non rimborsavano le spese di consegna di tutti gli articoli (29%).

L’Associazione dei consumatori conduce questa inchiesta con regolarità: l’ultima volta è stata nel 2019. “Quindi non c’è miglioramento”, afferma Gerard Spierenburg dell’organizzazione dei consumatori.

La metà dei negozi online intervistati ha un marchio di qualità Thuiswinkel Waarborg o Webshop Keurmerk, quindi c’è anche un’aggravante.

“A volte i fine settimana o le vacanze giocano un ruolo, e talvolta il consumatore non ha presentato prima una richiesta di restituzione”, afferma Marlene ten Ham, direttrice di Thuiswinkel a NOS.

In risposta all’Associazione dei consumatori, i negozi online affermano che la pressione dovuta al Covid gioca un ruolo, ma anche il ricambio di personale e i problemi ICT costringono a ritardi. Tuttavia, l’associazione non è impressionata: solo.l scuse, dice al portale NOS. Il rispetto delle regole è un obbligo e l’Authority può comminare multe a chi viola queste normative.