Alf van Beem, CC0, via Wikimedia Commons

Il direttore del GGD Kennemerland si è assicurato personalmente che il nome di Tata Steel venisse  rimosso da un rapporto GGD sulle possibili cause dell’elevato numero di casi di cancro ai polmoni a Beverwijk. Lo riferisce il Noordhollands Dagblad, che ha richiesto documenti con la procedura di accesso agli atti.

Secondo il quotidiano, il direttore Bert van de Velden è personalmente intervenuto più volte per far rimuovere un collegamento con Tata Steel. Il Noordhollands Dagblad afferma di aver visto 345 pagine di e-mail e messaggi WhatsApp da dipendenti GGD in cui ciò è confermato.

Il giornale ha anche richiesto tutte le 31 bozze del rapporto sui casi di cancro nel Kennemerland, apparso un anno fa. Quel rapporto elenca il 25% in più di casi di tumore ai polmoni in quella regione rispetto alla media nazionale. Inoltre, la percentuale di casi di cancro ai polmoni è doppia nei quartieri densamente popolati.

Nonostante ciò, il direttore di GGD ha ordinato ai suoi dipendenti di rimuovere l’acciaieria da questo rapporto come possibile causa di cancro ai polmoni. “La parola Tata non va usata”, avrebbe detto il direttore del GGD ai suoi dipendenti.

I residenti locali di Tata sospettavano già che l’acciaieria fosse stata accuratamente tenuta fuori dai guai dal GGD, scrive il giornale. Van de Velden ora ammette a Noordhollands Dagblad che Tata è stato cancellato dal testo. Secondo il direttore di GGD, questo era puramente per ragioni testuali.

“Non siamo mai stati messi sotto pressione da Tata per nulla. Conduciamo solo ricerche”, ha affermato il direttore di GGD. “La nostra gente lo fa in buona fede, con la statura scientifica che ne deriva”.