Un folto gruppo di paesi, tra cui gli Stati Uniti e gli Stati membri dell’Unione Europea, riferiscono che i talebani promettono di collaborare all’evacuazione di stranieri e afgani con documenti di viaggio. “Contiamo sul fatto che i talebani mantengano l’accordo e che queste persone possano viaggiare nei nostri paesi”, afferma la dichiarazione congiunta.

In base all’accordo, i talebani assicurano che gli sfollati possano lasciare l’Afghanistan.

Anche la ministra degli Esteri uscente Kaag si aspetta che i talebani si attengano agli accordi, scrive su Twitter.

La dichiarazione afferma che l’intesa si applica a tutti gli stranieri e agli afghani che hanno ricevuto il permesso da un altro Paese di recarsi lì. I Paesi coinvolti si sono impegnati per la partenza degli “afghani che hanno lavorato per noi e degli afgani che sono a rischio”.

Ma la questione è ancora controversa, dice NOS: i termini dell’accordo non sono chiari e i talebani non vorrebbero far partire gli afgani altamente istruiti.