Il rischio di attentati terroristici nei Paesi Bassi rimane “sostanziale”, a seguito della sparatoria sul tram a Utrecht a marzo e ad una serie di arresti, dicono alcuni funzionari anti-terrorismo. 

Il livello di minaccia ufficiale è 4 su 5, il che significa che c’è un rischio reale di un attentato terroristico. 

Il coordinatore nazionale per l’antiterrorismo e la sicurezza (NCTV) ha detto che sono emersi documenti recenti che indicano che il movimento islamista IS sta concentrando i suoi sforzi sugli attacchi in Occidente, ora che non controlla più alcun territorio in Medio Oriente. 

L’IS rimane “capace di mobilitare il movimento jihadista globale” ha detto NCTV, aggiungendo tuttavia che la capacità di effettuare un attentato su larga scala sta diminuendo. “Il numero di attacchi in Occidente è basso, ma l’intenzione rimane quella”, ha detto. 

Il 18 marzo sono morte quattro persone quando un uomo armato ha aperto il fuoco su un tram  vicino alla stazione centrale di Utrecht. L’azione di  Gökmen Tanis, 37 anni, è considerata un attentato terroristico. L’uomo è stato arrestato e ha confessato il crimine, ha detto la polizia. Ha affermato di aver agito da solo.