The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

DESIGN

“I See That I See What You Don’t See”: il contributo olandese alla Triennale di Milano in mostra a Rotterdam

Il design visto come problema e soluzione, un'impresa sia distruttiva che riparatrice



La ministro olandese dell’Istruzione, della Cultura e delle Scienze, Ingrid van Engelshoven, ha commissionato a Guus Beumer, direttore di Het Nieuwe Instituut (HNI), il contributo olandese alla XXII edizione della Triennale di Milano, conclusasi il 1 settembre. Il tema dell’edizione 2019 – curato da Paola Antonelli – è stato Broken Nature: Design Takes on Human Survival sul ruolo che il design può svolgere nel ripristinare il rapporto tra uomo e ambiente, vedere e non vedere, giorno e notte. In pochi paesi al mondo, la delicata distinzione tra luce e buio influisce sulla vita quotidiana di chi vi abita ed è legata allo sviluppo tecnologico e allo sfruttamento produttivo nei Paesi Bassi.

Angela Rui, curatrice del progetto design, Marina Otera Verzier, direttrice del dipartimento di ricerca del HNI e Francien van Westrenen, responsabile dell’agenzia HNI, hanno unito le forze per sviluppare I See That I See what You Don’t See un percorso all’avanguardia al quale hanno partecipato diversi artisti, registi e designer.

Il progetto combina ricerca, film, performance, suoni e paesaggi per attirare l’attenzione sull’inquinamento atmosferico.

Le diverse installazioni potranno essere viste all’HNI di Rotterdam fino al 29 dicembre.

In un’intervista al De Groene Amsterdammer, Francien van Westrenen ha sottolineato come il percorso sia stato modellato con la collaborazione di un gruppo internazionale di makers, guidati a loro volta da un team internazionale.

Tra gli artisti partecipanti: Ramon Amaro, Danilo Correale, Design Academy Eindhoven, Het Nieuwe Instituut, dipartimenti di ricerca e patrimonio, Accademia degli astronauti urbani, Melvin Moti, Oscar Pena, Lucy McRae, Bregtje van der Haak, Richard Vijgen, Leanne Wijnsma.






31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!