Google, la società madre di Alphabet, ha annunciato la scorsa settimana l’uscita del nuovo elegante SmartWatch, con la partner associata olandese Verily. Anche se non è previsto per il mercato dei consumatori, il Verily Study Watch sarà parte di un progetto di ricerca congiunto tra l’azienda e la Radboud University di Nijmegen, per esaminare l’effetto dei molteplici fattori nella progressione del Parkinson.

L’università, il suo centro medico e ParkinsonNet, un’organizzazione non-profit con sede presso l’ospedale, faranno coppia con Verily per raccogliere tutti i giorni i dati dei malati di Parkinson in tutta l’Olanda. “Il nostro obiettivo è quello di identificare nuovi biomarcatori che ci permetteranno di monitorare la progressione della malattia con maggiore sensibilità e fornire una base per nuovi trattamenti e più personalizzati” ha dichiarato Verily in un comunicato stampa.


Si spera che i dati raccolti su base giornaliera da un ente rappresentativo a livello nazionale indentifichino i modelli che influenzino la progressione della malattia in maniera metodica.

Due professori dell’Università collaboreranno per attuare un nuovo metodo di crittografia per aiutare a mantenere i dati del paziente sicuri.

The Watch Studio utilizza dei sensori per registrare l’attività elettrica del cuore, la frequenza cardiaca, il movimento e l’attività elettrodermica. Ha memoria sufficiente per raccogliere continuamente dati grezzi per diverse settimane in tempo reale, e la batteria può durare fino a una settimana prima di dover essere ricaricata.

Quasi nessuna informazione medica è condivisa con il paziente attraverso lo SmartWatch, caratteristica che potrebbe limitare l’effetto dell’orologio sul paziente durante uno studio a lungo termine.