A marzo, nei Paesi Bassi, il prezzo medio di vendita delle abitazioni destinate a diventare di proprietà è ammontato a 302.845 euro. Si tratta del 7,7 per cento in più rispetto a marzo 2018 e del livello più alto mai raggiunto nella storia olandese, secondo CBS.

Infatti, i prezzi per le abitazioni di proprietà di marzo superano del 36,1% quelli di giugno 2013, il periodo più nero della crisi immobiliare in Olanda. I prezzi delle case sono cresciuti costantemente sin dalla crisi del mercato immobiliare. Inoltre, la media dei prezzi di maggio 2018 ha per la prima volta superato il livello record raggiunto nell’agosto del 2008.

I prezzi delle abitazioni nella provincia dEL Flevoland hanno raggiunto l’aumento più significativo. I prezzi del primo trimestre del 2019 superano di ben l’11% quelli dello stesso periodo dell’anno precedente. Con questo trimestre il Flevoland dimostra di essere, per la quarta volta di fila, la provincia olandese che ha visto il più forte incremento dei prezzi.

I prezzi si stanno stabilizzando in nove delle 12 province olandesi. Fanno eccezione  Zeeland, Drenthe e Utrecht, dove si sono registrati aumenti più elevati nel primo trimestre del 2019 rispetto all’ultimo trimestre del 2018.

Anche gli aumenti dei prezzi per le abitazioni di proprietà di Amsterdam, Rotterdam e L’Aia sono risultati inferiori nel primo trimestre rispetto a quelli precedenti. Solo a Utrecht l’incremento dei prezzi è stato leggermente superiore a quello del quarto trimestre del 2018. Rotterdam ha registrato il maggiore aumento di prezzo delle quattro grandi città olandesi, con il 12,1%. Amsterdam ha invece subito la variazione meno significativa, precisamente del 9,2 percento in più.

A marzo si sono registrati dei passaggi di proprietà su un totale di 16.836 abitazioni. Inoltre, nel primo trimestre sono state vendute 47.431 case. Si tratta di un calo del 9% rispetto allo stesso periodo del 2018.