“In tempi così difficili ed incerti, il bisogno di spiritualità è sentito più che mai” spiegano i rappresentanti delle comunità religiose in Belgio in una lettera al Ministro della giustizia Vincent Van Quickenborne, protestando per il limite massimo imposto di 15 fedeli nei luoghi di culto, dice Kerknet.

La loro richiesta è che si ripristini al più presto la possibilità di accogliere per lo meno una persona ogni 10 metri quadrati, anziché il limite generale massimo di 15.

Secondo i rappresentanti delle religioni riconosciute in Belgio, questa soluzione garantirebbe sia a più credenti di frequentare il luogo di culto, che garantirne la sicurezza della salute pubblica.