CoverPic@public domain

Per generazioni ad Amsterdam si è giocato al Palingtrekken, una sorta di “acchiappa l’anguilla”. Da un capo all’altro dei canali veniva tesa una corda da cui si faceva pendere un’anguilla viva. I giocatori dovevano passare in barca sotto la corda cercando di afferrare il povero animale.

Chi sbagliava, il più delle volte, scivolava e finiva in un’acqua non proprio cristallina. All’epoca i bagni in casa non c’erano e tutto veniva scaricato nei canali.

Il 25 luglio 1886, una domenica, è il primo dei due giorni passati alla storia come la rivolta dell’anguilla. Al pomeriggio sul Lindengracht si stava preparando il gioco quando arrivò la polizia e tagliò la corda. Gli spettatori insorsero: un poliziotto fu trascinato in uno scantinato e  picchiato. Gli altri agenti riuscirono a farsi strada attraverso la folla infuriata sguainando la spada in cerca di rinforzi. 

L’ordine fu ripristinato solo alle 10 quando la maggior parte delle persone era già tornata a casa.

Il giorno dopo una folla armata di bastoni assediò la stazione di polizia. Gli agenti messi alle strette dovettero chiamare rinforzi e alla fine chiesero anche l’intervento dell’esercito.Ben presto scoppiò la rivolta. La gente del Joordan eresse barricate per le strade e dai tetti  colpì la polizia  con tutto ciò su cui potevano mettere le mani.

L’esercito rispose col fuoco: il martedì, oltre a diversi feriti, si contarono 26 vittime.

Palingoproer
Dopo i tumulti i giornali si scagliarono contro la polizia. De Nieuwe Gids (La nuova Guida) scrive nel gennaio 1887 che la domenica precedente alla rivolta era stata organizzata una gara di corsa con i sacchi, sulla quale la polizia aveva chiuso un occhio. Stessa cosa sarebbe potuta accadere anche il “giorno dell’anguilla” ma così non fu.

Altri videro un complotto socialista dietro la rivolta ma al processo contro alcuni cittadini arrestati, il giudice stabilì che non c’era stato alcun complotto.

Di sicuro però, la rivolta dell’anguilla è considerata come una data importante della storia di Amsterdam: i lavoratori che arrivano dalle campagne per lavorare nelle fabbriche in città crescevano velocemente, insieme ai loro bisogni e alla necessita di svagarsi dopo una settimana di duro lavoro.