Il piano della sindaca Femke Halsema di bandire i turisti stranieri dai coffeeshop non otterrà sicuramente la maggioranza nel consiglio comunale mentre potrebbe esserci un ampio sostegno nel consiglio comunale per il divieto di fumare per strada, dice AT5.

Giovedì sera la commissione Affari generali ha discusso la proposta del triage – il tavolod i sindaca, polizia e Procura (OM) – ma il comune, a maggioranza, è contrario. All’inizio del dibattito Claire Martens (VVD) ha espresso sostegno. “Cammino attraverso nuvole di fumo di marijuana ogni giorno. È questa la città in cui voglio che mia figlia cresca?”, ha detto la leader del partito che ha partorito tredici settimane fa. “Molti residenti si chiedono quando li aiuteremo. Il criterio [di chiusura ai turisti]  non è un obiettivo, ma un mezzo per raggiungere l’obiettivo di ridurre il fastidio nel centro città”.

Gli oppositori del piano sono particolarmente preoccupati per il rischio di aumento degli spacciatori in strada e il timore è che i giovani più vulnerabili guadagnino i loro soldi dalla vendita di droga, perché i turisti non possono più comprare erba e hashish in un coffeeshop.

Sembra, intanto, che ci sia una maggioranza nel consiglio per imporre il divieto di fumare in strada. Il partito di coalizione PvdA è favorevole, ma anche il più grande partito di opposizione. La sindaca Halsema ha detto al consiglio che il triage vuole ridurre la domanda di cannabis in città.  “Le soluzioni suggerite non sono legate al problema che identifichiamo. Non dovresti avere aspettative esagerate dal divieto di fumare in strada”. Halsema è stata critica con gli oppositori del suo piano, dice AT5: “Fate solo affidamento sul vostro istinto. I nostri studi dimostrano che il numero di turisti che vengono in città per fumare erba diminuirebbe e verrebbero meno spesso”.

Halsema ha messo in guardia contro la chiusura di altri coffeeshop: “Se riduci il numero e non fai nulla per il numero di persone che acquistano lì, il fatturato di quelli rimasti aumenterà. È più facile fare qualcosa per la clientela”. Nonostante la sindaca possa scavalcare il consiglio comunale ha annunciato di non volersi avvalere della sua autorità.