Le proteste dei boeren richiedono di essere fronteggiate con un protocollo nazionale e uno standard comunque ovunque, dice il sindaco di Zwolle Peter Snijders, dopo il blocco di ieri sera al centro di distribuzione nella sua città. “Ora sono arrivato al punto, dopo due grossi blocchi in questo centro di distribuzione, di non tollerare più”, ha detto il primo cittadino, secondo NOS.

Ieri i boeren hanno bloccato il centro di distribuzione Albert Heijn a Zwolle e se ne sono andati solo dopo un ultimatum del sindaco.

Secondo Snijders, le proteste hanno superato il limite. “Soprattutto in questo periodo”, con l’emergenza Covid ha detto a RTV Oost.  Per Snijders, la protesta dei contadini a Zwolle non si è svolta in modo ordinato e i manifestanti non hanno rispettato le regole Covid.

“Lo avevamo già detto più volte agli organizzatori: attenetevi alle linee guida Covid”. Snijders vuole che vengano stipulati accordi nazionali intorno alle proteste degli agricoltori. “Così che possiamo anche agire in modo inequivocabile”, spiega.

Blocchi hanno avuto luogo in tutto il paese questo fine settimana, dice NOS. Venerdì e sabato gli agricoltori hanno bloccato l’ingresso a un centro di distribuzione Jumbo a Raalte. È stata intrapresa un’azione anche nelle città del Gelderland di Oosterhout e a Geldermalsen. Oggi un altro blocco ha avuto luogo presso un centro di distribuzione Albert Heijn a Zaandam.

Gli agricoltori stanno protestando perché, secondo loro, i supermercati pagano troppo poco per i loro prodotti e chiedono un marchio di qualità per i prodotti agricoli.