The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

BE

Ministro degli Interni: “Intollerabile la violenza contro la polizia”

Il Ministro degli Interni in Belgio, Annelies Verlinden (CD&V), si è espressa a riguardo della mancanza di rispetto per le forze dell’ordine. “La violenza contro la polizia e i servizi di soccorso è intollerabile” ha dichiarato la ministra, augurando pronta guarigione agli agenti di polizia attaccati sabato a Ixelles, durante un sopralluogo. Secondo lei, la violenza non può mai essere tollerata, tanto più quando è commessa contro membri della polizia o dei servizi di soccorso.

Il ministro ha ricordato che lei e il governo stanno cercando di introdurre una legge di tolleranza zero, per tutte le forme di violenza contro la polizia e gli altri servizi di intervento.
Per raccogliere ulteriori prove, verranno utilizzate telecamere a corpo libero e un maggiore numero di agenti sarà dotato di taser, come riporta Le Vif. “Siamo anche intenzionati a lavorare a stretto contatto con le comunità locali, affinché anch’esse possano prendere una posizione più ferma contro questo tipo di violenza“, ha aggiunto il Ministro degli Interni. “Le forze dell’ordine sono in prima linea anche durante un’epidemia e sono quindi esposte a un maggiore rischio di contaminazione. Meritano pienamente il nostro sostegno per il lavoro che stanno svolgendo”.

Sabato pomeriggio, durante dei controlli delle norme anti-covid, gli agenti stavano ispezionando un soggetto, che si è ribellato violentemente ai controlli. Altre persone hanno interferito, ferendo tre poliziotti. Le autorità hanno portato tre persone nell’ufficio del pubblico ministero e dopo l’interrogatorio le hanno rilasciate. Domenica a mezzogiorno, il ministro della Giustizia, Vincent Van Quickenborne, ha chiesto spiegazione riguardo al rilascio dei tre soggetti. I tre sospettati hanno lasciato l’ufficio dopo un’udienza, ha confermato il pubblico ministero nel pomeriggio. Ma questo non significa in alcun modo che non siano più perseguibili. “Al termine delle indagini, il pubblico ministero determinerà quale sarà la pena per i reati commessi. Si terrà conto della gravità dei fatti e del loro contesto. In particolare del fatto che, questi reati, sono avvenuti a seguito di un controllo sul rispetto delle norme anti-covid”, ha dichiarato il portavoce.