Ad Amsterdam, il famoso zoo Artis, si trova in difficoltà a causa della seconda ondata covid. Infatti, sembra che dovrà attuare dei tagli su decine di posti di lavoro, a seguito di aver chiuso i battenti per la seconda volta quest’anno. Tra i 20 e i 40 dipendenti rischiano di perdere il lavoro, ha annunciato lo zoo lo scorso martedì, come riporta NLTimes.

A causa del covid e delle restrizioni in atto, ad Amsterdam e in tutta l’Olanda, per frenare la diffusione dell’epidemia, Artis ha dovuto affrontare una significativa diminuzione di introiti quest’anno. Il numero di visitatori si è dimezzato nel 2020. E le entrate derivanti dall’affitto di stanze e vendita di cibo e bevande allo zoo, sono diminuite drasticamente. Secondo Artis, quest’anno lo zoo ha già perso milioni di euro e dichiara di essere assolutamente costretto a riorganizzarsi, per poter affrontare al meglio la seconda ondata del covid.

“Penso che sia terribile che siamo arrivati fino a questo punto. Come direttore, è davvero un bruttissimo giorno nero nella mia vita all’interno dell’Artis”. “Invece di fare passi avanti, ora siamo costretti a fare passi indietro. Mi fa male pensare che questo riguardi colleghi che hanno lavorato per anni in maniera impeccabile per lo zoo”, ha dichiarato il direttore Rembrandt Sutorius. Artis pubblicherà piani più dettagliati sulla sua riorganizzazione nel prossimo periodo.