I servizi sociali non hanno assistito -come avrebbero dovuto- Tharukshan Selvam, un 15enne di Heerlen del Limburgo. Vittima di bullismo, si è tolto la vita alcuni mesi fa: a sostenerlo è un’ispezione del servizio di sostegno agli adolescenti del comune che ha visionato la documentazione degli operatori sociali.

Secondo il rapporto, i servizi sociali sarebbero incappati in un clamoroso errore di comunicazione: pur a conoscenza della grave situazione di disagio dell’adolescente gli operatori non avrebbero trovato un accordo su chi avesse dovuto seguire Tharukshan durante il periodo delle vacanze, finendo per abbandonarlo al suo destino. Il 15enne si è tolto la vita a gennaio, nell’ultimo giorno dello stop natalizio.

Il comportamento degli assistenti sociali, secondo il report dell’indagine, sarebbe stato carente anche in un’altra direzione: nella valutazione non avrebbero considerato il background della famiglia, di origine indiana e quindi le maggiori difficoltà incontrate dai genitori, che parlano poco olandese, nell’interagire con le istituzioni scolastiche.