The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

CINEMA

Helen Mirren si commuove per la ricostruzione della stanza di Anne Frank

Helen Mirren è una delle attrici britanniche più talentuose e apprezzate. La sua carriera conta svariate performance tra teatro e cinema. Ha vinto  svariati premi, tra cui l’Oscar come miglior attrice protagonista. Si potrebbe pensare che ormai niente possa più emozionarla data la sua esperienza: non è così. Per un documentario che conta la sua partecipazione, è stata ricostruita la stanza dove si nascondeva Anne Frank: l’attrice si è enormemente commossa, riporta il Guardian.

Nel documentario, che ricostruisce anche la vita di una delle vittime dell’olocausto più famose di tutti i tempi, la Mirren legge alcuni passaggi dal suo celebre diario. Tra i tanti vi è anche quello datato al 15 luglio 1944: “Sento la sofferenza di milioni di persone. Eppure, quando guardo il cielo, in qualche modo sento che tutto cambierà in meglio, che anche questa crudeltà finirà, che la pace e la tranquillità torneranno ancora una volta“. Alcune settimane dopo la quindicenne è stata arrestata per poi morire nel campo di concentramento di Bergen-Belsen per tifo nel gennaio del ’45.

“Anne è scomparsa insieme a un altro milione e mezzo di ragazzini come lei” afferma la Mirren nel documentario. Girato a Milano da Sabina Fedeli e Anna Migotto, l’opera ricostruisce  la casa della ragazzina ad Amsterdam, insieme al senso di oppressione e claustrofobia. “Nel momento in cui Elen si è resa conto di quanto fosse angusto lo spazio in cui ha vissuto, ha potuto immaginare i terribili sentimenti da lei provati” ha dichiarato Anna Migotto. Il documentario Parallel Stories si concentra su Anne Frank ma anche su altre giovani ragazzine deportate in campi di concentramento.

La realtà è più strana della finzione. La storia ci insegna qualcosa su noi stessi” ha concluso l’attrice.