La birreria Heineken, con sede ad Amsterdam, ha lanciato un’iniziativa per raggiungere il mercato là dove altre birrerie non fanno. Una mossa che si è rivelata un tasto dolente sia per l’amministrazione locale che per il settore della ristorazione: denunciano infatti una concorrenza sleale.

Il gigante della birra starebbe proponendo un servizio di consegna di sei confezioni di birra accompagnate da snack e patatine per un aperitivo “a casa, al parco o sulla barca”. Il tutto reperibile su un’applicazione senza alcun ordine minimo.

Il capo dell’Istituto STAP per il consumo di alcolici, dice che l’iniziativa andrebbe contro l’intento del governo di limitare il consumo di alcolici.

Wim van Dalen, direttore di Stap, ha detto al Parool: “Il problema più grande è che il servizio arriva proprio quando l’alcohol è già disponibile praticamente ovunque”.

L’assessore uscente Eric van der Burg ha detto al Parool che la proposta dell’Heineken aumenterà il rischio di abuso di alcolici.

Anche la lobby della ristorazione, il gruppo Horeca Nederland, si dice furiosa per l’iniziativa. La definisce contro la legge dato che non permesso ai bar e ai ristoranti di fornire alcolici su consegna ai clienti.