Guerra, USA chiedono all’Olanda di bombardare la Siria

Se ne parlava da tempo, in Olanda, di bombardare la Siria nel contesto della guerra che una coalizione internazionale sta portando avanti contro il cosiddetto Stato Islamico. Il Comandante in capo delle forze armate, Middendorp, lo ha ritienuto addirittura logico; i ministri Koenders (Esteri) e Hennis-Plasschaert (Difesa) hanno invece rassicurato sulle “basi legali” degli attacchi.

Questo il clima, insomma. Ora fonti della Difesa, consultate da RTL Nieuws, parlano di una richiesta ufficiale degli USA ai Paesi Passi, partners nella stessa coalizione, di bombardare le postazioni dell’ISIS anche in Siria e non solamente in Iraq, dove già volano gli F-16 oranje e i militari olandesi addestrano forze locali.

La ministra Jeanine Hennis-Plasschaert, negli USA per colloqui diplomatici, avrebbe ricevuto ieri la richiesta dalla controparte statunitense, Ashton Carter, ma per ora non arrivano conferme ufficiali.

Ma quel è il clima alla Tweede Kamer? Sempre secondo fonti di RTL il parlamento potrebbe facilmente approvare la richiesta. D’altra parte Rutte lo aveva annunciato in conferenza stampa, a poche ore dagli attentati di Parigi, che i Paesi Bassi sono in guerra contro l’ISIS. E in termini puramente economici, dopo i 220 milioni di euro alla Difesa previsti dal Budget2016, risorse straordinarie per la sicurezza sono già state annunciate dal governo.

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli