GUERRA L’Olanda verso l’intervento diretto in Siria? “È logico bombardare” dice il capo dell’esercito

Secondo il Capo di Stato Maggiore olandese, Tom Middendorp, non ci sarebbero molte chances di sconfiggere il Califfato, senza un intervento diretto in Siria guidato da una coalizione internazionale. Intervistato da Nrc, il militare ha affermato che l’attuale impegno in Iraq, dove i Paesi Bassi già partecipano ai bombardamenti e all’addestramento delle truppe locali, non è sufficiente per una svolta nel conflitto globale contro il cosiddetto Stato Islamico.

Secondo Middendorp sarebbe quindi “logico” per i caccia F-16 olandesi attaccare anche la Siria, “porto sicuro” dei jihadisti. Un’affermazione dal peso geopolitico non indifferente, data la confusione che regna nei corridoi delle Nazioni Unite. E che riprende in qualche modo le ultime dichiarazioni dei ministri olandesi Bert Koenders (Esteri) e Jeanine Hennis-Plasschaert (Difesa), secondo i quali ci sarebbero “le basi legali per un’intervento contro il Califfato anche in Siria”.

“Dal punto di vista tecnico si può fare” ha poi concluso Middendorp “ma dobbiamo capire bene quale sarà l’impatto su altri scenari”. Giusto per evitare che la cura, come spesso avviene nelle zone di guerra, si riveli peggio del male.

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli