Author: FaceMePLS Source: Flickr   License: CC 2.0

Circa 14.000 abitazioni non sono più valutate singolarmente, ma  classificate in una singola categoria. Il ministero dell’Economia spera così di accelerare notevolmente l’operazione di rinforzo, dice Rtv Noord.

Con il cosiddetto approccio per tipologia, le vittime del gas non ricevono più un’ispezione approfondita della loro casa ma un valutatore esamina se una proprietà soddisfa le caratteristiche di una categoria. Per tali categorie è stato determinato se sia necessario o meno il rinforzo.

Questo approccio dovrebbe accelerare considerevolmente l’operazione di rinforzo e fornire ai residenti maggiore chiarezza, dice il ministero. Attualmente, un’ispezione e e una valutazione medi durano dai sei ai nove mesi. Con il nuovo approccio, questo dovrebbe richiedere dai tre ai sei mesi.

Il coordinatore nazionale per Groningen, responsabile del rinforzo agli alloggi danneggiati dai terremoti, pensa di poter fare centinaia di valutazioni extra al mese. L’anno scorso sono state fatte circa 125 studi ogni mese; nel nuovo approccio dovrebbero essere 500. Entro il 2023, tutte le 14.000 abitazioni da ispezionare dovranno essere state valutate. Dopodiché, tutto ciò che deve essere fatto è costruire e rafforzare e a tal fine sono già state valutate più di 10.000 abitazioni.

Il cambio di rotta non può essere considerato separatamente da due sviluppi degli ultimi anni: con la cessazione della produzione di gas, il rischio di terremoti diminuisce. Inoltre, negli ultimi anni sono state acquisite molte conoscenze sulle case a Groningen, dice RTV e per questo il ministero ritiene sia necessario un rafforzamento meno drastico.

Il nuovo approccio soddisfa un obiettivo del governo: la valutazione individuale, lunga e costosa, non è più necessaria per la maggior parte delle abitazioni. La personalizzazione rimane possibile, ma il ministero ritiene che il 94% delle case di Groningen si adatti al nuovo approccio.

Gli ispettori esaminano i punti facili da valutare: materiale da costruzione, costruzione, altezza della casa, numero di porte e finestre, impatto dei lavori di ristrutturazione e, naturalmente, se ci sono danni. Vengono considerate anche le caratteristiche sismiche.

Il Groninger Gasberaad considera il nuovo approccio una “accelerazione rischiosa”. “Naturalmente può funzionare bene sulla carta”, afferma la segretaria Susan Top. “Ma in che modo questo approccio basato su modelli si rapporta alla pratica spesso indisciplinata? Inoltre, pensiamo che il ministero sia molto ottimista su quel 94% . Devo ancora vedere che così tante case si adattano a questo modello”.

Un portavoce di NCG afferma che avvierà discussioni con i proprietari e “se necessario, riceveranno la migliore stima possibile dell’esito della rivalutazione sulla base delle informazioni disponibili”.