La produzione di gas a Loppersum, Groningen, è stata sospesa con effetto immediato, ha annunciato venerdì la società petrolifera olandese NAM. La chiusura del pozzo di Loppersum è stata una delle misure che il funzionario di Stato sulle miniere SoDM ha suggerito a seguito di un terremoto nella regione il mese scorso, il più forte terremoto che ha colpito Groningen in cinque anni.

Giovedì il ministro Eric Wiebes aveva chiesto a NAM di fermare l’estrazione di gas da Loppersum “non appena fosse stato ragionevolmente possibile”, come richiesto da SoDM. “NAM ha immediatamente eseguito l’ordine impartito dal Ministro ha impartito di fermare i 5 cluster di Loppersum. Come si può vedere nell’immagine, la produzione da questi cluster è ora pari a 0″, ha scritto NAM su Twitter.

 

Oltre a Loppersum, NAM sospenderà anche la produzione nella sede di Eemskanaal, dice NU.nl. Giovedì il SoDM ha presentato una serie di misure che il regolatore ritiene necessarie per ridurre i terremoti da fracking a Groningen. Questo comprendeva la chiusura immediata dei giacimenti di gas Loppersum e la riduzione dell’estrazione totale di gas nella provincia di metà – da 21,6 miliardi di metri cubi all’anno a 12 miliardi.

La chiusura dei cluster di Loppersum, in realtà, è stata praticamente indolore per NAM: l’estrazione dall’area era già infatti al minimo.