COA: Gli afgani che arrivano a Zoutkamp non devono rimanere all’interno delle recinzioni per settimane

Gli afgani che sono ospitati a Zoutkamp non devono rimanere nei terreni della caserma per settimane dopo la loro quarantena. Lo afferma l’Agenzia centrale per l’accoglienza dei richiedenti asilo (COA). Questo scenario entra in gioco solo quando si verifica un’epidemia di corona che non è più sotto controllo.

Venerdì mattina, il sindaco Henk Jan Bolding di Het Hogeland aveva affermato che i rifugiati afghani dovevano rimanere nei terreni della caserma a Zoutkamp fino a nuovo ordine, dice RTV Noord. La quarantena varrebbe comunque fino all’arrivo dell’ultimo gruppo di afghani.

La portavoce COA Jacqueline Engbers afferma che la situazione è più sfumata.

Secondo lei, lo scenario delineato si applica solo in caso di grave focolaio di Covid nel centro e nell’eventualità di questo scenario gli afgani devono essere messi in quarantena per dieci giorni al loro arrivo. Vengono inoltre continuamente monitorati per il virus.

Ma cosa succede se i residenti sono ancora positivi al virus? “Vanno in isolamento, dove utilizziamo zone ad hoc”, afferma Engbers. I residenti che potrebbero essere stati in contatto con l’afghano infetto devono essere nuovamente messi in quarantena.