Groningers sul piede di guerra: stando al programma EenVandaag, l’arrivo della linea super-veloce hyperloop sarebbe stata accolta con una vera e propria minaccia di rivolta da parte dei residenti, non informati a dovere dalla municipalità.

Secondo i residenti “l’Olanda non è la Corea del Nord” e loro dovevano essere avvisati dell’avvio del progetto. Nonostante la costruzione non sia neanche iniziata è già malcontento. Un residente ha detto al programma tv che il comune si sarebbe limitato ad una lettera la scorsa settimana, senza una reale consultazione. D’altronde, dopo il problema con le trivellazioni, i cittadini di Groningen sono molto sensibili alle grandi opere sul loro territorio.

Secondo il residente Erik Schoppen, che si dice favorevole a soluzioni sostenibili, l’opera potrebbe avere un impatto enorme sull’ecosistema. E sul valore del uso immobile.

Tuttavia la possibilità che i residenti riescano ad avere ragione per vie legali sono scarse: il governo ha il diritto di eseguire opere di pubblico interesse anche qualora vadano contro l’interesse individuale, per il quale dovrà approntare risarcimenti adeguati.