Greenpeace Olanda negli ultimi cinque anni ha perso più del 20% dei suoi donatori. Un calo che ha costretto l’organizzazione a impiegare circa 5.5 milioni di euro per organizzare una racconta fondi. A raccontarlo è il Financieele Dagblad.

La campagna per i fondi quest’anno costerà il 30% in più rispetto al precedente. Nel 2017 l’ONG aveva riunito 370.000 donatori, meno rispetto ai 465.000 del 2013. “La tendenza negativa è cominciata qualche anno fa” ha riportato uno dei due direttori di Greenpeace Olanda, Joris Thijssen.

Thijssen ha spiegato che si è passati dai “reali sostenitori” dell’organizzazione a forme di donazione estemporanee, spesso mosse dagli allarmi lanciati da alcune notizie. “Il cambiamento nelle modalità dei finanziamenti è proprio delle generazioni più giovani. Essendo spesso basato su misure una tantum come i crowdfunding, sta diventando una vera sfida per molte ONG” racconta.

Grennpeace Olanda nel 2017 contava un’entrata di 25.4 milioni di euro, 19 milioni dei quali provenienti da donazioni, un calo di 355.000 euro rispetto all’anno precedente. I ricavi erano poi sostenuti da un contributo di ben 3.2 milioni di euro donato da Postcodelotterij.

Greenpeace è un’ONG con sede in 40 paesi. L’organismo di coordinamento internazionale si trova ad Amsterdam.