La società di sigari del Brabante, Royal Agio Cigars, ha assegnato ai suoi lavoratori un bonus di 10 milioni di euro da dividere tra di loro, ora che l’acquisizione da parte dello Scandinavian Tobacco Group è stata completata, scrive ED.

La compagnia ha una forza lavoro di 3.200 dipendenti, principalmente nei Paesi Bassi, nello Sri Lanka e nella Repubblica Dominicana, e la somma verrà suddivisa tra il personale in base allo stipendio e alla durata del servizio.

Ne trarranno vantaggio anche i lavoratori interinali che lavorano nell’azienda da almeno un anno. Se diviso equamente tra tutti, dice il giornale, sarebbe un extra di ben 3120e a persona. Agio, con sede nella città di Duizel, fu fondato da Jacques Wintermans nel 1904 con un prestito di 200 fiorini da parte di suo padre.

La cessione al gruppo scandinavo aveva provocato un certo risentimento ma la notizia del maxi bonus ha fatto cambiare idea a tutti. STG, che sta pagando 210 milioni di euro per Agio, dovrebbe iniziare il processo di integrazione a breve anche se non è nota la sorte dei lavoratori: negli accordi, infatti, non è garantito che la forza lavoro rimanga quella attuale.

Agio Cigars, noto per marchi di sigari come Agio, Balmoral, Panter e Mehari, è uno dei quattro maggiori produttori di sigari al mondo, con un fatturato netto di 133 milioni di euro nel 2018.