La tempesta Bella, che ha portato forti venti in tutto il paese, ha spinto l’energia eolica ai massimi storici. Questo è quanto ha affermato domenica Elindus, fornitore per il mercato professionale e industriale. Sabato sera sono stati così prodotti 3,80 GW, l’equivalente di tre quarti della produzione nucleare (5 GW), scrive RTBF.

Elia, il gestore della rete elettrica belga, ha confermato l’elevato livello di produzione di energia elettrica raggiunto questo fine settimana dalle turbine eoliche, sottolineando inoltre di non aver mai assistito prima d’ora a così tanta capacità di produzione eolica off-shore. Quest’anno sono stati inaugurati altri due parchi nel Mare del Nord, con l’ultimo investimento nel parco eolico offshore di Seamade, al largo di Ostende, con 58 turbine e una capacità totale di 487 MW.

Stando al gestore, le pale avrebbero prodotto in un weekend circa 1/3 del consumo medio invernale, dice RTBF.  Alla fine di febbraio, la tempesta Dennis che aveva colpito il Belgio aveva già consentito alle turbine eoliche “belghe” di produrre il 30% del fabbisogno energetco e poche settimane prima, il 9 febbraio, grazie alla tempesta Ciara, le turbine eoliche avevano coperto il 25% della domanda di elettricità, continua il portale.

Clima e investimenti, sarebbero la chiave del successo di questi parchi eolici.