L’organizzazione del Gran Premio d’Olanda è molto soddisfatta del weekend di Formula 1 a Zandvoort, nonostante le polemiche per gli spazi troppo affollati.

“Guardiamo indietro con grande orgoglio a un weekend fantastico”, afferma il direttore del circuito Robert van Overdijk. “Abbiamo lavorato molto duramente su questo evento e vedo solo facce felici”.

Il terzo e ultimo giorno, migliaia di persone sono tornate al resort. Mentre Max Verstappen ha conquistato la vittoria sul circuito, un gruppo di una settantina di manifestanti del gruppo d’azione Extinction Rebellion si è fatto sentire sul boulevard. Hanno pedalato lì con cartelli con testi come “Nulla di bello sull’azoto”. Secondo la polizia, la manifestazione si è svolta senza intoppi, proprio come l’evento stesso. “Per ora è una festa”, ha detto un portavoce intorno alle 18:00.

Un flusso di migliaia di spettatori ha lasciato Zandvoort in treno dopo la vittoria di Max Verstappen. Alle 19.30 erano saliti a bordo 20.000 visitatori, dice NOS e circa 23.000 appassionati di F1 si sono recati ieri al circuito in treno. Durante l’intero fine settimana, NS ha trasportato poco meno di 90.000 visitatori, distribuiti su 522 treni, dice NOS.

Eppure, per il terzo giorno consecutivo, si è parlato del numero eccessivo di visitatori, circa 65.000 al giorno consentiti, e della folla dentro e intorno al circuito. Venerdì, grandi assembramenti si sono radunate alla stazione e per le strade di Zandvoort.

Le immagini della folla hanno suscitato reazioni sorprese e furiose da parte dei politici e del settore dell’intrattenimento, tra gli altri. L’organizzazione del GP d’Olanda ha preso ieri misure extra per quanto riguarda i percorsi di corsa.

In pista era presente anche la coppia reale. Il re Willem Alexander, la regina Máxima e le principesse Amalia e Ariane hanno fatto visita a Max Verstappen nella corsia dei box due ore prima della partenza. Il re era presente anche ieri alla qualificazione.