Gli Stati Uniti accusano la Russia di aver infettato i sistemi di innumerevoli computer in tutto il mondo lo scorso anno. Nei Paesi Bassi, in particolare, i virus hanno colpito il terminal per contaneir APM del porto di Rotterdam, l’azienda farmaceutica MSD, e la ditta di imballaggi TNT. Il ransomware ultilizzato per gli attacchi era chiamato NotPetya o Petya.

“Gli attacchi fanno parte del continuo sforzo del Cremlino per destabilizzare l’Ucraina e dimostrano sempre più chiaramente il coinvolgimento russo nel conflitto” afferma Sarah Sanders Segretaria Stampa della Casa Bianca, secondo il Guardian. “Questo cyber  attacco indiscriminato e avventato sarà punito a livello internazionale”.

Anche la Gran Bretagna si è unita alle accuse contro la Russia, giovedì.

L’attacco ransomware si è diffuso da un programma di contabilità ucraino. Ci sono voluti giorni per recuperare il totale funzionamento di APM e TNT.