Il pubblico ministero accusa i fuggitivi Ridouan Taghi e Said Razzouki  di aver orchestrato e almeno tre omicidi, riporta AD.

Taghi e Razzouki, ancora a piede libero, sono sulla lista dei ricercati internazionali dal marzo 2018 e sono accusati degli omicidi di Samir Erraghib, Ranko Skekic e Hakim Chengachi.

La polizia li collega a tali crimini grazie alla deposizione del testimone chiave Nabil B. e a intercettazioni telefoniche.

Il reporter di cronaca nera John van den Heuvel, dopo aver ricevuto minacce di morte da Taghi, è  soddisfatto che il pubblico ministero stia portando avanti il caso. “E’ logico. Non puoi aspettare all’infinito se non li trovi”, ha detto a RTL Boulevard. “Guardando alle dichiarazioni del testimone chiave Nabil B. e ai messaggi PGP criptati, la conclusione è scontata. Willem Holleender è stato condannato per molto meno.”