NL

NL

Gli ucraini che arrivano in Olanda in aereo vengono messi in detenzione. Polemiche sull’IND

I rifugiati ucraini che arrivano in aereo nei Paesi Bassi vengono attualmente detenuti all’aeroporto di Schiphol. Secondo quanto riportato da NRC, vengono trattenuti in cella per giorni mentre il servizio immigrazione (IND) verifica se hanno diritto all’accoglienza, nonostante gli accordi europei permettano loro di viaggiare liberamente in Europa, dice NOS.

Dopo l’invasione russa, gli ucraini hanno diritto ad accoglienza, assistenza sanitaria e lavoro nei Paesi Bassi. Tuttavia, da qualche mese, quelli che arrivano in aereo vengono messi in detenzione  una misura che i giuristi definiscono sproporzionata.

L’organizzazione Vluchtelingenwerk critica questa procedura, definendola inutile e traumatizzante per i rifugiati. Una donna ucraina ha raccontato di aver passato cinque giorni in detenzione senza ricevere spiegazioni.

L’IND giustifica la detenzione dicendo che molti ucraini ora arrivano attraverso altri paesi, rendendo necessarie verifiche. Tuttavia, una professoressa di diritto internazionale sottolinea che detenzioni del genere dovrebbero basarsi su sospetti individuali e non essere applicate indiscriminatamente.

Non è chiaro quanti rifugiati ucraini siano stati detenuti a Schiphol recentemente. Coloro che arrivano in auto o treno, invece, possono continuare il loro viaggio liberamente.

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli